La Didattica immersiva fra Reale e Virtuale

Una scuola che supera il modello trasmissivo e adotta modelli aperti di didattica attiva mette lo studente in situazioni di apprendimento continuo che gli permette di argomentare il proprio ragionamento, di correggerlo strada facendo e di presentarlo agli altri.
L’obiettivo é coinvolgere e motivare gli studenti, trasformando il modello educativo e i linguaggi della scuola, rendendoli protagonisti dell’apprendimento e non solo ascoltatori passivi e silenziosi, applicando metodi di problem solving e collaborative learning.

Da queste premesse metodologiche é nata l’esperienza realizzata da alcuni alunni della classe III H della Scuola Secondaria di primo “Giuseppe Grassa” di Mazara del Vallo, che hanno sostenuto la loro prova di esame di Terza Media all’interno dell’Ambiente Virtuale di Rete Sophia, con ottimi risultati, accompagnati dal loro prof. Giovanni Marrone, che ha ideato e reso concreto il progetto di Rete Sophia 3D.

Il percorso é appena iniziato e sarà portato avanti con l’organizzazione di corsi di base per i Docenti finalizzati ad apprendere le potenzialità educative, i benefici e le criticità della Didattica immersiva attraverso l’utilizzo di questa tipologia di piattaforme di e-learning di terza generazione, come sono i Mondi Virtuali, per migliorare la qualità dell’offerta formativa.

Gli interessati possono manifestare la loro volontà di adesione scrivendo a Rete Sophia all’indirizzo [email protected] e saranno informati di tutti gli sviluppi delle iniziative che saranno messe in atto, sia in modalità online che blended, a partire da settembre 2017 ed eventualmente chiedere ulteriori informazioni ai nostri esperti di Realtà Virtuale immersiva.

Gianni Panconesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.