Crea sito

Corso-Insegnare e apprendere attraverso modalità collaborative: come gestirle in classe per sviluppare e potenziare le competenze di ciascuno

28-11: Primo incontro con gli insegnanti di Matematica 

Avviare la collaborazione
– Slide 1-6: documenti ministeriali, le competenze chiave di cittadinanza, l’importanza del laboratorio in tutte le discipline e in particolare il concetto di laboratorio matematico
– A gruppetti da 3 si compila la scheda individuale (Allegato 1) di riflessione autobiografica (condividendo prima un po’ di regole, ad esempio si osserva il silenzio quando ognuno scrive, poi ognuno legge e gli altri ascoltano e solo alla fine della lettura si propongono
eventuali domande o osservazioni)
– Slide 7-12 sul significato della riflessione autobiografica e sulle regole da condividere in gruppo perché la collaborazione fra pari diventi un momento educativo efficace
– Problema dei triangoli rettangoli (Allegato 2, rielaborazione di un quesito INVALSI per la V classe della scuola primaria) da svolgersi a gruppetti da 3, mettendo in pratica le regole stabilite; condivisione degli esiti e raccolta di osservazioni sulla modalità messa in atto.

27_11_2017_Relazione generale_Pesci

Insegnare e apprendere attraverso modalità collaborative_Sintesi incontri_Pesci

28_11_2017_Labor_Riflessione Autobiografica_Pesci

29-11: Secondo incontro con gli insegnanti di Matematica

– I gruppi collaborativi
– I gruppi collaborativi con i 5 ruoli (slide 1-20): l’organizzazione, il significato dei vari ruoli, l’importanza della loro assunzione a rotazione da parte dei partecipanti al gruppo, il ruolo dell’insegnante nella gestione di questa complessa ma promettente modalità collaborativa. La ricaduta positiva sulla resilienza degli alunni in difficoltà e sulle competenze disciplinari, didattiche e relazionali anche degli insegnanti.
– Compito di prova: problema dei fiammiferi (Allegato 3), rielaborazione di un quesito INVALSI per la classe III della secondaria di I grado, da svolgersi a gruppi da 5 e con l’assunzione dei rispettivi ruoli in ogni gruppo.
– Relazioni da parte degli Osservatori e Relatori di ciascun gruppo e discussione sull’esperienza svolta.

29_11_2017_Gruppi Collaborativi_Pesci

30-11: Terzo incontro con gli insegnanti di Matematica

La collaborazione a coppie e la
riflessione metacognitiva
– Costruzione di triangoli isosceli con l’uso solo della riga non graduata e del compasso
(Allegato 3)
– Riflessione metacognitiva con scheda individuale (Allegato 4)
– Discussione, confronto e raccolta di tutte le strategie emerse per la costruzione dei triangoli
isosceli e commenti relativi alla riflessione metacognitiva sull’esperienza collaborativa
attuata. Si condivide l’importanza di assegnare problemi sufficientemente aperti per realizzare un laboratorio matematico genuino, cioè in modo da poter dar luogo a molteplici risposte, non solo collegate a strategie già incontrate ma anche più personali, a volte più semplici o più elementari ma comunque efficaci per rispondere alle richieste del problema. Un altro aspetto sottolineato è la scrittura adeguata della procedura richiesta, compito non sempre semplice ma a cui è importante educare gli alunni fin dalla scuola primaria: un procedimento o una soluzione, una volta intuiti, diventano compresi a fondo e comunicabili anche agli altri solo con una descrizione verbale adeguata, che si può migliorare in concisione, chiarezza e adeguatezza dei termini, proprio nella fase di raccolta delle risposte dei vari gruppi, con l’apporto dei contributi di ciascuno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.